BARREA e la TRADIZIONE ENOGASTRONOMICA

Se si pensa ai sapori di Barrea, non si può non tener conto della posizione geografica di questo borgo: immerso nel  Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, in ambiente che ha segnato la vita e la quotidianità dei suoi abitanti, lasciando tracce che ricordano la  pastorizia e la vita di montagna.

La tradizione culinaria di Barrea predilige, infatti, ingredienti semplici  che ritroviamo sulle tavole degli abitanti. La transumanza nelle Puglie ha inevitabilmente arricchito la tradizione dei dolci e delle pietanze del secolo precedente, senza però intaccare le tradizioni locali che rivivono durante le ricorrenze nelle case dei Barreani.

La cucina rispecchia in buona parte la tradizione gastronomica abruzzese, basata su ingredienti che in passato erano per lo più di  provenienza locale  e prodotti nell’ambito di un’economia agro-pastorale. Oltre alle tipiche ricette abruzzesi, come i famosi maccheroni alla chitarra o la pecora “al cotturo”, la tradizione di Barrea è testimoniata da  numerosi piatti e dolci tipici da scoprire.

LA ZUPPA DELLA SPOSA

Da uno degli eventi più importanti per una famiglia un piatto frutto della maestria delle signore sagge del paese.

GLI ORAPI

Gli spinaci che sanno di montagna nella tradizione della cultura pastorale.

I Piatti della transumanza

Il racconto della storia di Barrea attraverso i piatti tradizionali della pastorizia.

I Piatti a base di pane

Il protagonista delle tavole di tutte le case è il pane: pancotto con le verdure e con le patate, lesche maritate ovvero fette di pane tagliate alte, inzuppate nell’uovo sbattuto e fritte nell’olio o nello strutto.

I Piatti delle feste

Le tradizioni culinarie passano attraverso il ricordo che si cela dietro momenti di vita famigliare.